Zelmo Abardo

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Giallista
Fantascienza
Romanziere
Poeta
Saggio
Tutti
Top Autori
Top Libri
Novita'
Contattaci
Aggiungi ai favoriti
Biografia Zelmo Abardo

Biografia Zelmo Abardo

Zelmo Abardo è un giornalista e poeta italiano.
Negli anni '50 fu giornalista al quotidiano L'Italia. Successivamente, verso la fine degli anni '60 cominciò ad accostarsi alla poesia dialettale milanese.
Il suo curioso pseudonimo, El Ratìn (Il Topolino) nasce da una poesia che scrisse per descrivere le luminarie della Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Infatti, le luminarie, allora a gas, venivano accese da uno stoppino automatico che scorreva lungo tutta la Galleria. Questo stoppino, era chiamato, appunto El Ratìn. Da allora, Abardo fece suo questo pseudonimo ed ancora oggi si firma così.
Famosissima anche un'altra poesia in dialetto: El Gambadelégn (Il Gambadilegno), scritta in onore di un povero capostazione di Milano, con una gamba di legno. Negli anni del boom, quando i treni locali erano zeppi di pendolari, questo capostazione riusciva a superare a piedi il treno ed effettuare lo scambio dei binari a mano. Da allora, dopo la poesia di Abardo, il treno fu sempre chiamato Gambadelégn per la sua lentezza.
Socio dell’ O.N.A.S. (Ordine Nazionale Autori e Scrittori), fondò il Premio la Maschera d'Oro, premio di poesia poesia dialettale e in lingua italiana. Collaborò anche al settimanale Il nuovo Milanese, diretto da Gianfranco Carmignano.
Nel 1984 fu tra i fondatori di Radio Sei, che trasmise a Milano ed Hinterland fino al 1992.
Oggi Abardo vive a Milano con la famiglia e scrive ancora poesie dialettali.