Le Pagine Della Nostra Vita

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Giallista
Fantascienza
Romanziere
Poeta
Saggio
Tutti
Top Autori
Top Libri
Novita'
Contattaci
Aggiungi ai favoriti

Le Pagine Della Nostra Vita

Nicholas Sparks

Titolo originale: The Notebook
Anno: 1996

Trama: 1997. In una casa di riposo del North Carolina, un vecchio ottuagenario - che in principio non rivela la sua identità - inizia a raccontare la sua vita tramite un taccuino, che legge quotidianamente anche ad una misteriosa e confusa donna con la quale sembra avere un rapporto più profondo di quanto non ammetta. Quando è in sua compagnia, dice di chiamarsi Duke e che il nome di lei - che chiaramente non ricorda l'identità di nessuno dei due - è Hannah: ma i due nomi sono di certo fittizi, segno ulteriore che tra questi personaggi c'è un legame molto particolare.

1946. Nella cittadina di New Bern, Noah Calhoun, un giovane uomo di campagna reduce dalla Seconda Guerra Mondiale, restaura una vecchissima casa per vivere serenamente dopo gli orrori che ha conosciuto. Ma qualcosa - un fantasma, come lui stesso dice - continua a tormentarlo: si tratta di Allison Nelson, la donna a cui tanti anni prima ha giurato eterno amore, e di cui nonostante la lontananza non si è mai scordato.

Estate del 1932. Nella cittadina di New Bern, lo stesso Noah, umile e ribelle adolescente amante della poesia, conosce al luna park Allie (ragazza di ben altra estrazione sociale) e fin dal primo istante se ne innamora perdutamente, ricambiato. I due, pur consapevoli della "sconvenienza" della loro storia, divengono subito inseparabili e condividono tutto, senza preoccuparsi delle conseguenze. L'idillio viene però rovinato dalla partenza di Allie per Raleigh, la sua città, e dalla disapprovazione dei genitori di lei; malgrado ciò, Noah promette di scriverle e così fa, inviandole dozzine di lettere. La madre di Allie intercetta però le missive, e non volendo che la relazione fra la figlia e il ragazzo prosegua, le nasconde; in questo modo, sia Noah che Allie si convincono di essere stati dimenticati l'uno dall'altro, anche se non è così. Le circostanze li portano quindi a costruire ognuno la sua esistenza, conservando della loro estate d'amore solo il ricordo lontano.

La narrazione torna a questo punto al 1946. Una Allie ventinovenne, in procinto di sposarsi per volere dei suoi genitori con Lon Hammond, un giovane avvocato che non ama, legge per caso un articolo di giornale che mostra la grande ristrutturazione operata da Noah alla villa abbandonata, dove quattordici anni prima i due ragazzi si erano amati per la prima - e per Allie unica - volta. Sconvolta dalla ricomparsa di quello che non ha mai smesso di considerare l'uomo della sua vita, Allie decide di fargli visita, mentendo al fidanzato e alla famiglia. Divisa tra il dispiacere di aver mentito e la comunque prevalente voglia di vedere Noah, la ragazza parte così per New Bern. L'incontro riporta a galla violentemente tutti i sentimenti sopiti di ciascuno; ma Allie, impaurita e piena di remore, comunica a Noah del suo matrimonio imminente: questo lo ferisce, ma egli le propone lo stesso di restare e fargli compagnia per la serata. I due preparano una cena a base di granchi, durante la quale rammentano la felicità passata e Noah esorta Allie a riprendere in mano la sua vera passione e aspirazione: la pittura. Finito di mangiare, segue un'altra lunga chiacchierata nel portico e, tacitamente, entrambi realizzano di amarsi ancora. Noah, in parte frenando il desiderio che prova per Allie e in parte distrutto dalla notizia del matrimonio, si fa coraggio e chiede alla ragazza di ritornare il giorno successivo per una grande sorpresa. Allie accetta, e l'indomani Noah la porta a fare una gita in kayak lungo il fiume, fermandosi in un punto in cui transita uno stormo di cigni. Allie è estasiata dallo spettacolo, ma il temporale incombente impone loro di ritornare; mentre Noah pagaia per raggiungere casa, la pioggia comincia a cadere ed Allie si lascia definitivamente andare alle emozioni della vicinanza di Noah, e alla certezza di aver sempre continuato ad amarlo. Tornati in casa, Noah ed Allie indossano abiti comodi, accendono il camino e si siedono vicini con un bicchiere di bourbon. Parlano brevemente, e lui le confessa apertamente tutto ciò che sente per lei; al che la passione ha il sopravvento e i due fanno l'amore per tutta la notte.

Trascorrono insieme anche la giornata successiva, fino a che la madre di Allie in persona (che ha intuito tutto) non bussa alla porta, rivelando che Lon ha scoperto dove Allie si trova davvero e che sta venendo a cercarla. Inoltre, consegna ad Allie tutte le lettere di Noah che la figlia non ha mai potuto leggere, e le raccomanda di seguire il suo cuore. Allie si rende conto di dover fare una scelta fra l'uomo che ama e il suo promesso sposo, e improvvisamente pare cedere all'idea che con Noah tutto rimarrà solo un'eterna illusione. Lasciandolo solo, disperato e corroso dal dubbio, la ragazza se ne va per prendere la sua decisione finale.

Uno stacco ci riporta bruscamente al presente; il vecchio protagonista, che ormai non fa più mistero di essere proprio Noah, racconta di come alla fine Allie abbia voluto lui e dei tantissimi anni di matrimonio che hanno passato, creando una famiglia e affrontando la vita insieme. Dice anche, però, che da qualche anno (dopo essere invecchiati l'uno accanto all'altra) tutto è stato spezzato: Allie, infatti, si è ammalata di Alzheimer e gradualmente ha dimenticato chi sia Noah, chi siano i loro figli e perfino la sua stessa identità. Prima di trasferirsi nell'ospizio, però, la stessa Allie aveva supplicato Noah di annotare tutta la loro storia d'amore sul taccuino, nella folle speranza che ascoltandola direttamente dalla voce di lui la sua memoria potesse riaffiorare. Noah, pazzo d'amore, resiste nel suo proposito e senza arrendersi mantiene la promessa: è per questo che tutti i giorni si reca da Allie - che pure non lo riconosce - per leggerle daccapo le pagine della loro vita. I risultati ovviamente sono sporadici ed effimeri, e per la maggior parte del tempo la moglia ignora totalmente chi lui sia. Ma una sera, all'ennesimo tentativo, Noah lascia alle spalle la discrezione e il timore di turbare Allie, e come tanti anni addietro le dichiara il suo amore. Allie, miracolosamente, sembra riconoscerlo del tutto: i due si abbracciano e si ripromettono di non lasciarsi, ma i ricordi di Allie stanno già regredendo e la donna, terrorizzata, scaccia via il marito in lacrime, come fosse un estraneo.

Dopo questo episodio, Allie non ricorda più per diverso tempo il minimo particolare su Noah o sulle loro vite; Noah, sconsolato e senza più interesse per se stesso, ha un grave ictus che lo porta vicino alla paralisi di metà corpo. Ma il fatto di essere sopravvissuto gli dà nuova forza e lo convince a riprovarci; dunque, la notte del quarantanovesimo anniversario di matrimonio suo e di Allie, si intrufola con la complicità dell'infermiera di guardia nella stanza dove lei dorme, per lasciarle in dono un biglietto contenente una poesia. Proprio mentre sta per andarsene, lei si sveglia: Noah, preoccupato, ha paura che reagisca male e lo respinga, ma inaspettatamente Allie lo riconosce perfettamente, lo chiama con il suo nome e lo fa avvicinare. Il romanzo si conclude con l'immagine dei due anziani sdraiati che, come tornati indietro nel tempo della loro gioventù, si baciano teneramente e che forse stanno per amarsi, probabilmente per l'ultima volta.


Commenti


Nome
Commento